Smart working e rinnovo CCNL: il comunicato unitario

News FirstER

Otto milioni di lavoratori e lavoratrici in questa fase emergenziale lavorano da remoto.

La necessità impellente di mantenere aperte sedi e luoghi di lavoro attraverso un lavoro prestato dalla propria scrivania di casa diventerà una modalità organizzativa e culturale strutturale del lavoro.

Tuttavia, questo approccio non ricalca l'essenza dello smart working, ma un home working che ha evidenziato problematiche sociali e familiari, aggravando in tanti casi la gestione vita/lavoro delle donne.

Le Segreterie Nazionali hanno richiesto un incontro con Ania per avviare un confronto in materia di smart working in vista del prossimo rinnovo del CCNL.

Leggi il comunicato.

 

 

Seguici su Facebook

Ultimi tweet da @First_Cisl_E_R

Piattaforma

performare