Accordo Bper: bene sia le assunzioni che le tutele

News FirstER

Sabrina Nanni (First Cisl ER): “Sono solo i primi passi di un’operazione vasta e complessa che come sindacati presidieremo con maniacale attenzione”.

“Con l’ingresso di Unipol Banca nel gruppo BPER l’impatto sulla regione sarà importante e aver inserito un vincolo di assunzione nei territori di uscita, che in Emilia-Romagna sarà del 20%, consentirà non solo di attenuare lo sbilancio, ma anche di puntare sull’innovazione”.

E’ quanto ha dichiarato Sabrina Nanni, segretaria generale dei bancari (First) della Cisl Emilia-Romagna nel ribadire la soddisfazione per l’accordo firmato con il gruppo Bper sul piano industriale 2019–2021. L’intesa apripista alla fusione con Unipol Banca che, attraverso il pensionamento o l’esodo a carattere volontario e incentivato, prevede l’uscita di 1.300 dipendenti, ma anche un rafforzamento dell’organico attraverso 645 assunzioni.

“La previsione di nuove assunzioni, una ogni due usciti, è un tassello cruciale in un settore che vede i posti di lavoro ridursi ogni anno, ma di fondamentale importanza sono anche gli strumenti previsti per ridurre il disagio per i dipendenti interessati dalla riorganizzazione, sia in termini di mobilità territoriale sia di natura professionale. Ma ovviamente questi sono solo i primi passi di un’operazione vasta e complessa che come sindacati presidieremo con maniacale attenzione, sia per ciò che riguarda l’applicazione dell’accordo sia per l’attuazione del relativo piano industriale”, ha concluso la leader regionale della categoria cislina.

 

 

Seguici su Facebook

Ultimi tweet da @First_Cisl_E_R

Piattaforma

performare