L’effetto dello spread prima o poi arriva

News FirstER

Sullo spread fra BTP italiani e Bund tedeschi si sono versati fiumi di inchiostro.

Da chi sostiene che sia solamente un fattore virtuale non collegato alla realtà, a quelli che al minimo aumentare di tale valore evocano catastrofi epocali.

Dal punto di vista puramente tecnico (finalmente!), nell’articolo di Rony Hamaui per lavoce.info si analizzano quali sono i motivi per cui l’economia reale risente in ritardo l’effetto delle variazioni dello spread BTP/Bund.

D’altra parte, però, l’articolo chiarisce definitivamente che tale effetto, prima o poi, si scarica comunque sulle famiglie e sulle imprese italiane ed è tutt’altro che “virtuale”.

Buona lettura.

 

 

Seguici su Facebook

Ultimi tweet da @First_Cisl_E_R

Piattaforma

performare